Indice
Indice La Muggiasca

pagina precedente
1
2
3
4
5
6
7
8
pagina successiva

Un uomo e un paese da non dimenticare

Sparsi lungo le pendici del Monte Muggio incontriamo numerosi paesini dove solitamente le giornate trascorrono tranquille, uno di questi è la frazione di Mornico, le sue stradine dopo un anno di quiete e riposo, in occasione della festa patronale, si animano di un'atmosfera allegra e gioiosa, quasi a rammentare che ancora molti amano questo angolo di mondo, così come l'aveva amato l'alpino disperso durante la 1~ Guerra Mondiale e ritrovato l'estate scorsa sui Monticelli al Passo del Tonale. A Mornico Pietro Schiavetti era nato e vissuto più di ottanta anni fa prima di partire per il fronte. Il caso ha voluto che i suoi resti venissero ritrovati proprio mentre nel suo paese nativo si festeggiava il santo patrono e nel pomeriggio del 20 agosto 1996, una semplice telefonata ha dato inizio ad un susseguirsi di momenti di notorietà per questo angolo di mondo sconosciuto. Il giorno seguente i nipoti si sono recati personalmente sul Passo del Tonale per accertarsi di questa notizia quasi incredibile e la domenica successiva 25/08/96, un numeroso gruppo di parenti, amici e Alpini, accompagnati dai rappresentanti del Comune di Vendrogno e dal Sindaco sono andati al Passo del Tonale per commemorare il ritrovamento del soldato e partecipare alla celebrazione di una Messa nel Sacrario militare del Tonale, dove davanti all'altare sono stati ricomposti i resti dello Schiavetti. Dopo pranzo, nonostante il tempo minaccioso, i parenti ed alcuni amici sono saliti in funivia e sono stati accompagnati da un militare sul posto del ritrovamento e fra quei massi franosi, un tempo ricoperti dal ghiacciaio è stato deposto un fiore, sono stati attimi commoventi di cui ognuno dei presenti conserverà gelosamente il ricordo.

 

L'impegno successivo è stato di ritrovarsi il 01.11.1996 per provvedere alla sepoltura del soldato. Lodevole è stato l'impegno degli Amici di Mornico che in quella occasione hanno prontamente organizzato un pullman che ha permesso ai partecipanti di raggiungere numerosi il Passo del Tonale e uniti partecipare alla cerimonia. Nel pomeriggio è stato visitato il museo militare all'interno della caserma del Tonale, ed i militari incaricati hanno illustrato il materiale raccolto. A Temù i custodi del museo attendevano il gruppo con un'apertura straordinaria richiesta personalmente dalle autorità locali. Lungo la strada del rientro ognuno ha potuto ripensare serenamente alla giornata appena trascorsa, colma di emozioni, col cuore carico di pensieri e di ricordi ricchi di valori umani che raramente incontriamo nella nostra quotidianità. Particolare attenzione al caso è stata dimostrata anche da Luciano Viazzi, giornalista storico di Milano che ha approntato uno studio approfondito su ciò che è accaduto in quel lontano agosto 1915, (pubblicato sulla rivista "Aquile in guerra" 05/97). Dai suoi studi e ricerche è emerso che Pietro Schiavetti nato a Mornico il 24.08.1894 è risultato disperso il 14.09.1915 nel sanguinoso combattimento svoltosi attorno al Passo del Dito, e non il 14.09,1916 come indicato dalle notizie ufficiali. Egli faceva parte del Btg "Morbegno" dal quale venne poi distaccato per fare un Corso Mitraglieri presso il Btg "Exilles"; nell'agosto del 1915 venne trasferito in un reparto di arditi, denominato "Centuria Valcamonica" e partecipò al combattimento al Passo del Dito, ove perse la vita.

(Vedi cartina del combattimento).
Collaborazione dello storico Luciano Viazzi


PAOLINO CI HA LASCIATO

La scorsa primavera un grave lutto si è abbattuto sulla nostra comunità Paolo Pensotti ci ha lasciati. In punta di piedi, quando già si pensava che ce l'avrebbe fatta. Nel corso della sua vita aveva tagliato decine e decine di alberi con esperienza e maestria, quello di casa sua gli è stato fatale. A nulla è valso il pronto intervento dell'elicottero, il rapido trasporto all'ospedale, le assidue cure in terapia intensiva. Il dolore per la sua scomparsa ha scioccato tutta la comunità. Parenti, amici,conoscenti, tutti si sono fatti carico di quel lutto, tutti hanno pianto la sua morte. Sul volto di tutti si leggeva sconforto, tristezza e forse rabbia di fronte a tanta dolorosa impotenza. Troppo facile sarebbe affidare ad una penna il compito di tessere elogi di una persona che non c'è più. Racconterò invece un piccolo, forse per taluni insignificante, episodio di cui ne sono stata protagonista. Un giorno mio marito rincasa con un pacchetto dicendomi: - Me l'ha dato il Paolino per te -
- Cos'è? -
- Non lo so, credevo fossi già d'accordo -. Lo scarto e mi trovo davanti un vasetto di miele che lui lavora con tanta passione. Prendo il telefono e chiamo Paolino chiedendogli come mai avesse dato a mio marito quel vasetto, se per caso non avesse sbagliato persona. Ecco la sua risposta: -Domenica a San Lorenzo (la nostra parrocchia) l'ho sentita tossire durante tutta la messa, ho pensato di darle un po' di miele, lo prenda, non potrà farle che bene.
Questo era l'uomo! Umile, riservato ma attento e generoso. Grazie Paolo! Ti ricorderò per sempre, il mio miele sarà il ricorso nelle mie preghiere per te!

Marcati Marisa

 

CAMPO SPORTIVO

Nella scorsa primavera sono iniziati i lavori di risistemazione del campo di calcio. Un particolare ringraziamento al nostro parroco Don Eugenio che con la sua instancabile volontà ha dato la spinta decisiva. Un grazie sentito va anche al signor Gerosa Francesco che si è adoperato per reperire i finanziamenti necessari ad integrazione di quelli messi a disposizione dalla parrocchia. Siamo sicuri che il nuovo campo porterà dei vantaggi all'intero paese per il crescente interesse che il torneo estivo acquisterà in futuro anche se a causa delle cattive condizioni meteorologiche i lavori hanno subito dei ritardi e che quindi, per permettere il regolare svolgimento delle manifestazioni estive, la semina del tappeto erboso sarà effettuata nel mese di settembre.

Indice
Indice La Muggiasca